Un anno speciale

Era il 1995 quando nacque la cooperativa Viridalia, per dare lavoro a persone svantaggiate che erano impiegate nella manutenzione del verde. Le strade percorse e gli obiettivi raggiunti sono stati tanti, con la nascita di nuovi servizi e attività dedicate alle persone fragili. Nel 2013, grazie alla fusione di Viridalia con la cooperativa Il Fontanile, nata per offrire risposte ai bisogni delle persone con disabilità, venne creata una nuova cooperativa che prese il nome del luogo che la ospitava: Cascina Biblioteca.

Nel 2020 la cooperativa raggiunge un traguardo importante, 25 anni di cammino, mostrando la solidità dei valori e delle scelte alla base del progetto realizzato dai primi fondatori e la crescita ottenuta nel corso degli anni. Oggi infatti sono circa 180 i dipendenti e più di 300 le persone fragili accolte.

Un anno speciale il 2020, anche perché la pandemia ha mostrato quanto sia importante mettere le persone al centro e lavorare insieme per raggiungere obiettivi importanti. La cooperazione, il bene comune, le relazioni sono ciò che ci permetterà di uscire da questa situazione migliori di prima. Con un bagaglio di esperienze nuove e conoscenze condivise per superare la fragilità, l’immobilismo e le difficoltà che oggi ci sono nella vita di tutti. Le persone che, per noi, sono sempre state al centro, ora lo sono di più. Le persone fragili hanno bisogno di vicinanza e di presenza e noi siamo presenti e attenti a comprendere e soddisfare i loro bisogni.

“Qui tutti ci incoraggiano, ci aiutano ad integrarci. Qui siamo tutti una famiglia, non ci sono differenze tra di noi”

dice Mohamed, da poco assunto nel progetto di agricoltura sociale.

“Cascina Biblioteca è il mio rifugio”

ci ha detto Angelo, abitante di una delle residenze in cascina, quando gli abbiamo chiesto come si trova qui.

"In ogni attività la passione toglie gran parte della difficoltà."

Erasmo da Rotterdam